Feed RSS

Due anni fa…

Inserito il

Ieri mi è venuta in mente una canzone e stamattina avevo una sensazione vaga…

Ora Facebook mi ha ricordato quello che la mente non aveva trattenuto. 

È la prima volta che non ricordo esattamente la data di un evento. Ricordo perfettamente ogni istante ed ogni sensazione, ogni sguardo e ogni sorriso, ma non il giorno. 

Ancora una volta, le sensazioni vincono sulla razionalità. Mi capita raramente. Mi piace. 🙂

Portami via

Inserito il

Finalmente ho trovato il coraggio di guardare questo video.

La canzone mi piace e la ascolto spesso in radio, ma mi piace più seguire il testo alla lettera e considerare il desiderio di allontanarsi da sensazioni, paure, incertezze e non da un determinato luogo fisico. 

Rivedere quei cancelli mi ha trasmesso un senso di angoscia. Proprio l’altro giorno ripensavo a quella sensazione che avevo ogni giorno quando andavo in quel posto. Sapevo che avrei trovato i miei studenti che mi trattavano bene, i miei meravigliosi colleghi e gli agenti che mi hanno sempre trattato con gentilezza… eppure avevo sempre un nodo alla bocca dello stomaco al pensiero di andarci.

Quest’anno in fondo mi sento più libera anche io. E ripenso a chi ancora ci vive. A chi è costretto a passare là ogni ora della sua giornata, ma anche a chi ci lavora. Perché il solo contatto con quella realtà, provoca comunque uno stress psicofisico, in qualunque modo lo si viva.

Spero di non tornarci più. 

10 anni

Inserito il

Tanti Auguri di Buon Compleanno, Blogguzzo Mio!!! 

❤ ❤ ❤ ❤ ❤      ❤ ❤ ❤ ❤ ❤

Buon Natale 

Inserito il

​Buon Natale ❤

“Non c’è spazio per la tristezza, nel giorno in cui nasce la vita […] Nessuno è escluso da questa felicità” 😀

“Gesù Bambino nasce nel cuore di ogni uomo, anche di chi non è pronto ad accoglierlo!” 🙂

È una festa troppo bella, che trasmette la speranza che qualcosa di bello possa realizzarsi nella vita di ognuno di noi! 😀 

Tanti auguri di un sereno Natale a tutti: alla mia famiglia, ai miei amici, ai miei alunni ed ex alunni, ai miei colleghi ed ex colleghi… e un augurio speciale alle persone che sono nel mio cuore, ma che si possono raggiungere solo col pensiero! ❤

vuoti

Inserito il

Per colmare un vuoto devi inserire ciò che l’ha causato. 

Se lo riempi con altro, ancora di più spalancherà le fauci. 

Non si chiude un abisso con l’aria.》 

E. Dickinson 

Maria Addolorata 

​Oggi è stata la festa della Madonna Addolorata. 

Da un po’ di tempo ho iniziato a considerarla la Madonna del “dolore nascosto”. Lei in quel momento aveva un dolore immenso evidente e comprensibile a chi la vedeva: aveva perso un figlio! Ma dietro a questo dolore, ne nascondeva un altro che non poteva confidare, che non poteva essere compreso: quel figlio era Figlio di Dio. Avrebbe dovuto fare qualcosa per evitare che morisse così giovane e in quel modo? Aveva fatto quello che Dio di aspettava da lei? Chissà quanti dubbi avrà avuto in quei momenti…      

Penso che in fondo ognuno di noi ha qualche dolore nascosto più o meno grande. Un dolore nascosto dietro ad un sorriso o nascosto dietro un dolore più evidente.         

Lei può capire ogni sfaccettatura dei nostri dolori e a lei possiamo affidarli affinché ci aiuti a portarne il peso.

Premiazione 

Inserito il

La frase che più mi ha colpito ieri alla premiazione è stata “dobbiamo far diventare queste mura trasparenti” nel senso che si deve far conoscere anche all’esterno le cose buone che si fanno in quel posto. Ne sono convinta anche io. Io non avevo la minima idea di come fosse quello strano mondo. L’ho già detto un milione di volte, ma prima di mettere piede in quella struttura, ero convinta che fosse un edificio abbandonato, non immaginavo che dentro ci fosse tanta “vita”. Ora quando passo, rivolgo sempre un pensiero alle persone che conosco e che (forse) sono ancora là. Di sera ci si rende conto meglio del fatto che là dentro si trovano delle persone. Quando mi capita di tornare a casa la sera, al tramonto, e passo in quella zona, vedere alcune luci accese ti trasmette in maniera più evidente che in quel l’enorme edificio sulla collina c’è qualcuno. Che magari sta guardando la TV o sta leggendo  o giocando a carte… ma che comunque non è dove dovrebbe essere: a casa sua. Il fatto di trovarsi là è di certo la conseguenza di un errore: suo o di altri.

ops… Mi sono persa nel discorso 😛 torniamo a ieri 😉

Mi ha colpito anche la decisione dei primi tre classificati, di devolvere in beneficenza il loro premio in denaro. È stato un gesto bello e significativo. 🙂

E mi è piaciuto anche il gesto del segretario del “fai-cisl” (che ha indetto questo concorso letterario) che prima di andare via ha salutato singolarmente ognuno dei presenti. 

Sono contenta di essere stata presente ieri, ma soprattutto di aver fatto parte di questo bel gruppo di persone anche quest’anno (anche se non ho dato nessun contributo alla realizzazione di questo progetto). 🙂